Regione Lombardia si mette al fianco delle start up. L’assessore allo Sviluppo economico, Alessandro Mattinzoli, segue infatti da vicino gli sviluppi delle ultime misure  messe in campo per sostenere le nuove realtà imprenditoriali lombarde – micro, piccole e medie imprese (Mpmi) – e i liberi professionisti. Realtà che manifestano nuove esigenze, nuove sfide. Una di queste è quella dell’economia circolare.

Economia circolare

“Siamo reduci da un Tavolo sull’ economia circolare che ha lo scopo di appoggiare, a sua volta, un bando che prevede tre fasi, in collaborazione con la Camera di Commercio – spiega Mattinzoli -. Tutto questo perchè crediamo che la tutela dell’ambiente sia, oltre che un nuovo modo di fare economia, una vera e propria necessità per garantire il futuro”.

Bando Arché

Un’altra misura che si è rivolta alle start up prende quindi il nome di ‘Arché”, uno strumento su cui il Pirellone ha investito 16 milioni di euro in aiuto di imprese appena nate oppure entro i primi 4 anni di vita.  “Un bando che ci ha permesso di favorire l’impresa e il fare impresa attraverso il sostegno sia nelle fasi di avvio che in quelle di consolidamento, in modo da poter aumentare le possibilità di sopravvivenza nel breve, ma soprattutto nel medio termine”.

Leggi anche:  Università Insubria sottoscrive un accordo con Università di Samarcanda

Bando Faber

Economia circolare, nuove realtà, ma anche innovazione nella disamina del titolare allo sviluppo economico. Ecco spuntare, dunque, il bando Faber, che ha iniettato 35 milioni euro nel sistema artigiano. “Abbiamo voluto incoraggiare verso l’innovoazione e la digitalizzazione i nostri artigiani, coloro che per tradizione sono più conservativi e legati al proprio know-how. E il risultato è stato sorprendente, in quanto si è compresa l’importanza di acquisire nuovi strumenti e nuove competenze”, conclude il titolare allo sviluppo.