“Dichiarare che Cantù vada militarizzata vuole semplicemente dire che nei due anni di amministrazione leghista è stato fatto ben poco sul tema della sicurezza, cavallo di battaglia della propaganda del Carroccio”, è senza mezzi termini Federico Broggi, segretario provinciale del Pd, commentando la situazione che si sta creando a Cantù, sul fronte della sicurezza e sulle dichiarazioni dell’on. leghista Molteni.

Sicurezza a Cantù, Broggi e Bianchi: “La Lega ha solo perso tempo”

“Non posso non rilevare che l’unico scopo di Molteni sia quello di far leva sulla paura delle persone, ammettendo l’incapacità di affrontare un problema così importante. Ha infatti ragione l’assessore Metrangolo quando dichiara alla stampa che ai cittadini non si possono raccontare fesserie, perché le istituzioni devono essere credibili e non possono giocare sulla suscettibilità delle persone – prosegue Broggi –. Discutiamo di videosorveglianza e di controllo del vicinato, aumentiamo il pattugliamento del territorio: su questi temi noi supporteremo l’azione dell’amministrazione. Ma evitiamo di fare sparate insensate”.

E gli fa eco, in questo senso, Roberto Bianchi, segretario del Circolo Pd di Cantù “Mi pare appena il caso di ricordare che, in due anni di amministrazione leghista, rispetto alle promesse elettorali nulla è cambiato e ancora oggi sentiamo solo proclami, pur essendo il Carroccio al governo sia a livello cittadino che nazionale”.

Leggi anche:  Manifestazione a Roma l'intervista al segretario della Lega Cantù VIDEO

Sul piano pratico, Bianchi fa presente che “il potenziamento tanto decantato del Comando dei carabinieri è in realtà, come ha ben sottolineato Roberta Molteni di ‘Lavori in corso’ nell’ultimo consiglio comunale, né più, né meno che una ristrutturazione. Ma l’avanzo di amministrazione oggi c’è e permette spese straordinarie. Perciò, che il Comune agisca con telecamere ai varchi della città, prenda posizione sul tema della lotta all’ndrangheta. Servono, cioè, azioni concrete, ma anche eventi culturali, quale l’attivazione di gruppi di vicinato”.

Invece, secondo il segretario canturino, “l’amministrazione comunale ha perso 2 anni di tempo dietro alle faide interne alla maggioranza e alla questione della decadenza del sindaco. Ma ora è tempo che facciano largo a una nuova Cantù. E soprattutto a una nuova amministrazione”.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU