(Cantù) Cantù sul trono d’italia. Già, è tutto vero, Cantucky è tornata nell’olimpo del basket italiano. Merito della squadra Under16 del Progetto Giovani Cantù che a giugno ha compiuto l’impresa tricolore riportando in Brianza lo scudetto di categoria.

Basket canturino di nuovo sul tetto d’Italia

Merito della truppa guidata dal coach condottiero, canturino doc, Antonio Visciglia, che ha sbaragliato il campo e la concorrenza alle finali che si sono disputate a Bassano del Grappa. In una terra di epiche battaglie, la squadra canturina ha portato l’assalto allo scudetto compiendo un autentico percorso netto.

Ha dominato il girone di qualificazione, poi ha superato Forlì nei quarti, la blasonata Virtus Bologna in semifinale e infine l’Honey Sport City Roma nella finalissima di domenica. Già, domenica 24 giugno, una data che rimarrà indelebile nei cuori e negli occhi degli U16 biancoblù griffati Columbus, che alla sirena finale hanno potuto esplodere la loro gioia e condividere la festa tricolore con genitori, amici e tutto il popolo canturino, giunto per l’occasione dalla Brianza.

Leggi anche:  Basket Prima Divisione la capolista SB'83 sbanca anche Cavallasca

Una giornata indimenticabile anche per coach Totò Visciglia, un nome una garanzia di vittoria. Lui, che ha vinto il suo secondo scudetto con il Pgc dopo quello Under20 di due anni fa al Pianella. Lui, che per la quarta volta è stato premiato quale migliore tecnico delle finali giovanili. A festeggiare con lui e i suoi ragazzi a Bassano c’erano tutti: dalla famiglia Munafò, papà Antonio e figlio Thomas, al responsabile tecnico del Pgc Sergio Borghi. Tutti presenti per celebrare un capolavoro che rimarrà nella storia del basket canturino.

(Giornale di Cantù sabato 30 giugno 2018)

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU