Ieri sera è stata Openjobmetis Varese di Attilio Caja a vincere il derby contro la Pallacanestro Cantù. Il risultato finale dice 89 a 85 a favore degli ospiti.

Pallacanestro Cantù le parole di Sodini

“Il nostro primo quarto mi fa arrabbiare parecchio perché non si può, in una partita come questa e per rispetto di noi stessi, partire con così poca energia. Detto questo, i miei giocatori stanno facendo un lavoro eccellente. Ultimamente facciamo fatica ad entrare nella partita, faticando a difendere perché non è nel nostro DNA. Io stesso fatico a trovare quintetti equilibrati perché abbiamo giocatori bravi a fare canestro ma meno bravi dall’altra parte del campo, quando devono difendere”.

“Brucia aver perso davanti alla nostra gente”

“Loro sono riusciti a non farci correre, tant’è che abbiamo segnato pochi punti in contropiede. Per la prima volta nel corso della stagione, alla diciottesima giornata, perdiamo due partite di fila. Prima di stasera eravamo gli unici, insieme a Milano, a non averne mai perse due di fila. È capitato a Brescia, a Venezia e ad Avellino, direi che può capitare anche a Cantù. È vero, abbiamo perso in casa. È vero, abbiamo perso un derby, ma non sapete quanto mi bruci aver perso davanti alla gente. Abbiamo giocato 15 minuti senza il nostro miglior giocatore, Randy Culpepper, e con Andrea Crosariol che ha provato a giocare ma i dolori alla schiena gli hanno impedito di andare avanti. Non abbiamo un roster lungo, la coperta è corta, fermo restando che il gruppo gode della mia massima fiducia”.

Leggi anche:  La Pallacanestro Cantù abbracciata dal calore dei tifosi FOTO

“Dobbiamo recuperare il fiato”

“Quando abbiamo ripreso Varese eravamo molto stanchi e, pur perdendo questa sera, oggi faremmo ancora i playoff, oggi saremmo ancora dentro per la Coppa Italia. Lavoreremo per metterci nelle condizioni di spalmare le nostre energie, per recuperare il fiato. In tutta franchezza vi dico che stasera forse abbiamo avuto un blocco dovuto ad un po’ di paura, i ragazzi sentivano moltissimo la partita. E forse ho sbagliato io ad enfatizzarla troppo. Il fatto è che, da toscano, i trenta punti di scarto del match di andata mi erano rimasti davvero sul groppone. Forse è per questo motivo che ci abbiamo messo un po’ troppo ad entrare nella partita”.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU