Il 4 aprile 2019 il Como 1907 è passato ufficialmente agli inglesi di Sent Entertainment Ltd, mettendo fine all’era Nicastro-Fellaca che era iniziata nella stagione 2017-18. Oggi, dopo la bellissima vittoria del campionato, la nuova proprietà si è presentata alla stampa. A prendere parola è stato Michael Gandler, Managing Director di SENT Sports e CEO del Como 1907. “Abbiamo aspettato oggi per presentarci, in modo da non disturbare la squadra che aveva il grande obiettivo di andare in serie C” ha spiegato davanti ai cronisti.

Ecco il nuovo Como 1907. Parla Gandler: “Progetto a lungo termine”

“Il nostro passato è importante, lo stadio ad esempio è il cuore della nostra società. Importante per noi anche il settore giovanile. La nostra filosofia è quella di essere strategici nell’approccio: avere un piano, ma senza avere fretta. Se guardiamo nella storia del calcio, si pensa solo di vincere solo sul campo. E’ importantissimo ma serve una società dietro altrimenti non c’è visione di lungo termine. Abbiamo preso alcune persone per sviluppare il nostro progetto che sarà a lungo termine. Non facciamo promesse, pensiamo solo al nostro lavoro. Vogliamo lavorare man, mano, senza rischi. Questo progetto darà orgoglio a noi, ai tifosi e a tutta Como. Questa città è uno dei posti più belli del mondo. E’ un simbolo del Made in Italy. Dobbiamo creare stabilità, credibilità ma anche un progetto importante per promuovere la squadra”.

“La nostra una promozione meritata”

Spazio anche alle parole di mister Marco Banchini: “Il nostro obiettivo era quello di vincere a tutti i costi. Torniamo tra i professionisti, è il minimo per una piazza come Como. Sapevamo bene quanto era grande l’attesa per società e tifosi. Abbiamo avuto tutti quanti una bella sorpresa perché con una bella vittoria e un risultato inaspettato dal Mantova siamo riusciti ad ottenere una promozione che tutti si meritano. Bello gioire tutti insieme coi tifosi”.

Leggi anche:  A Como la commemorazione delle vittime della strage di Capaci

Nicastro: “Il Como è nella mani giuste”

Infine l’ex proprietario Massimo Nicastro: “Siamo in un momento di gioia importante. Come ci insegnano gli inglesi a volte per gustarsi una vittoria bisogna perdere 3 a 0 e vincere in rimonta. Siamo contenti di aver contribuito alla crescita della squadra. Ora la lasciamo nelle mani di un gruppo eccezionale che potrà dare grandi soddisfazioni alla città e ai tifosi. Sono ottimista e riusciremo a fare grandi cose”.

L’assessore: “Giornata importante”

Durante la conferenza erano presenti anche il sindaco Mario Landriscina e l’assessore allo Sport, Marco Galli. L’assesore ha spiegato: “Questa è una giornata importante, con il passaggio di consegne ufficiali. La squadra si è aggiudicata un numero di punti incredibile in serie D. La proprietà ha lavorato bene e ora finalmente siamo in serie C. Per noi comaschi è una grande gioia. Impossibile spiegare quanto importante per noi sia la società lariana. Ora i presupposti sono buoni, crediamo molto in quello che potrà fare la squadra in futuro”.