Coach Cesare Pancotto parla prima del attesissimo derby contro Varese, in programma domenica 8 dicembre 2019.

Pallacanestro Cantù le parole di coach

“Partimo dal presupposto che dobbiamo aggredire sia il momento che la partita, la tattica che dobbiamo usare è quella di aggredirli per non essere aggrediti. Il derby ha motivazione, ha tensione positiva, la capacità della squadra di trasformare in campo la passione dei tifosi. La trasformazione però deve prevedere non un aspetto emotivo che deve rimanere sugli spalti ma usare cuore e testa per giocare una partita di grande consinstenza senza pause. Quella delle pause deve servirci a migliorare i quattro quarti della nostra partita. La dobbiamo costruire momento dopo momento prima del salto a due e per tutta la durata dell’incontro”.

Su Varese: “Parliamo di una squadra esperta nei punti chiave con un quintetto giocatori – campionato, i giocatori-campionato sono quei giocatori capaci di fare tutte le cose che uno si aspetta non eccezionali ma con grande continuità. Poi è anche consistente nella panchina è allenata molto bene da Attilio Caja. É una squadra che tira più da tre punti che da due, una squadra di rimbalzo d’attacco e sei giocatori in doppia cifra ed è una squadra a tuttotondo. Noi dobbiamo avere l’intensità e l’attenzione in ogni singlo aspetto perchè  anche la nostra squadra ha delle caratteristiche”.

Leggi anche:  Pallacanestro Cantù in campo nel derby contro Varese IL RISULTATO FINALE

Aggiunge Pancotto: “Trovarsi in difficoltà per l’uomo questo caso per la squadra è un fatto abbastanza normale, la volontà nostra è quella di dimostrare  la nostra durezza mentale. Vogliamo vivere il derby fino all’ultimo secondo finito il quale dobbiamo ricordarci che c’è tutto il resto del campionato”.