UnipolSai Briantea84 sconfitta in casa.

UnipolSai Briantea84 sconfitta in casa

Non è bastata la reazione del terzo quarto. S. Stefano Avis ha sconfitto la UnipolSai Briantea84 69-60 con una prova di carattere e di squadra. I Campioni d’Italia in carica si sono riconfermati bestia nera al PalaMeda dopo le vittorie nelle prime due gare della serie
Scudetto targata 2018-2019. Gli uomini di coach Ceriscioli sono rimasti compatti anche davanti alla furia di un super Filippo Carossino che a 15’ dalla fine ha preso in mano la squadra, provando la rimonta: il numero 22 è stato il miglior realizzatore della serata con 20 punti, seguito da un grande Dimitri Tanghe (19) determinante soprattutto ad inizio gara.

Grande pubblico al PalaMeda

PalaMeda delle grandi occasioni: sesto uomo in campo. I marchigiani hanno chiuso da imbattuti il girone di andata di Serie A Fipic – Federazione Italiana Pallacanestro in Carrozzina – con 14 punti e si sono laureati Campioni d’Inverno. I biancoblù rimangono fermi a 10 come Porto Torres – vincente nel pomeriggio contro Bergamo e avanti per lo scontro diretto a favore. Dagli altri campi: Giulianova ha strappato l’ultimo pass per la Final Four di Coppa Italia (20-21 marzo) grazie alla vittoria contro Sassari e alla contemporanea sconfitta del Santa Lucia in casa contro Padova.

Il quintetto

Coach Bergna opta per un quintetto iniziale composto da Jacopo Geninazzi, Filippo Carossino, Adolfo Damian Berdun, Francesco Santorelli e Sebastiao Nijman. Pronti, via. Grintoso S. Stefano sull’asse Sabri Bedzeti-Dimitri Tanghe. In scia la UnipolSai con Carossino e Santorelli. Dopo poco più di 3’ il parziale è di 8 a 4 in favore dei marchigiani. All’ex Jordan Ruiz (1/2 dalla lunetta) risponde ancora Santorelli, ma è bravo Bedzeti a trovare un varco difensivo tra le maglie biancoblù per il momentaneo 11-6, alimentato poi dal tiro libero di Ruiz. Carossino e Geninazzi infiammano il PalaMeda con due tocchi che valgono il -4 (14-10) dopo la buona marcatura di Tanghe, bravo poi a replicare a 3’31 dal termine. Berdun pesca Nijman che gira per Carossino: bell’azione della UnipolSai che con il numero 22 firma il 16-12. Squadre al time-out. La pausa galvanizza Nijman che porta i suoi al -2. Ruiz va a referto dopo i 5 liberi consecutivi falliti da Tanghe. Nel finale Berdun vuole e trova una preziosa tripla. Il primo quarto termina 17- 19 per S. Stefano.

Il secondo quarto

Tommie Gray in apertura di secondo quarto, poi Santorelli con il suo sesto sigillo fin qui. Bedzeti lasciato solo non perdona per il 19-25. Esce Carossino, entra Simone De Maggi. Jordan Ruiz pesca il +8 (19-27). Sanchez assist-man per il decimo sigillo di un super
Santorelli fin qui. Momento a favore della UnipolSai: un gesto tecnico di Marcos Sanchez porta il brasiliano a canestro più tiro libero, il PalaMeda spinge sul -3 (24-27) a 6’ dalla fine. La prima marcatura per Simone De Maggi vale il minimo svantaggio (-1). Davide
Schiera, l’altro ex della serata riporta S. Stefano a +3 (26-29) alla metà del tempo. Andrea Giaretti trascinatore, ne fa 5. Berdun spezza il periodo positivo dei Campioni d’Italia. Grande intensità negli ultimi 2’, ma un canestro arriva solo a 25’’ dalla fine: ci pensa Schiera a mandare le squadre a riposo sul 28-36.

Leggi anche:  Befana Cantù: anche quest'anno arriva in moto

Dopo l’intervallo

Dopo l’intervallo la UnipolSai rientra sul parquet con Lorenzo Bassoli al posto di Nijman, unica variazione tispetto al quintetto di inizio match. Il giovane canturino non delude e va subito a canestro, spezzando le marcature di Driss Saaid e poi di Tanghe che fa 4 punti. Carossino risponde. Il numero 22 è poi perfetto dalla lunetta (2/2) per il 44-34 al giro di boa del terzo quarto, segue Santorelli (1 su 2). Bedzeti ci mette meno di 20’’ per firmare un doppio canestro che porta S. Stefano al +13 (48-35). Geninazzi di forza, Gray spinge sul 50-37 a 3’ dal termine. Assist di Carossino, Berdun non sbaglia sotto canestro. L’argentino lascia spazio a Sanchez a 1’52 dal termine. Ruiz di carattere, poi Carossino conquista un fallo prezioso che spezza l’intensità del match, la sua perfezione (2/2) dalla lunetta porta i biancoblù a -11 (41-52). Il momento è davvero tutto di Carossino che si prende in mano la squadra e la trascina con forza a -5. Il PalaMeda si fa sentire, il terzo quarto termina 52-47 con un parziale in favore della UnipolSai (19-16).

Ultimo tempo

Ultimi 10 minuti. Carossino infiamma nuovamente il PalaMeda dopo la marcatura di Giaretti. Ancora il numero 16 biancoverde in risposta a Nijman. Bedzeti aumenta a +7. Fase delicata del match, senza esclusione di colpi. Gray vale il +9 a metà tempo. Saaid
non sbaglia dalla lunetta (2/2). S. Stefano da questo momento inizia a prendere il largo con Tanghe, Sanchez prova a ridurre lo svantaggio con due tiri liberi. A 3’ dalla fine il parziale dice 64-53. Ancora Bedzeti, poi Sanchez. Il finale è però biancoverde, fino
all’ultima realizzazione di Santorelli sulla sirena che viene accompagnato dagli applausi del PalaMeda. Vince S. Stefano.